Sei in » Attualitą
28/06/2012 | 18:43

Parte il progetto fortemente voluto dal sindaco Ada Fiore. Nel corso dell'estate il centro storico sarą teatro di eventi per grandi e piccini nel segno di un virtuale incontro tra passato e futuro. Tutto ispirato alla filosofia.


Foto di Graziella Lupo Pendinelli


Corigliano d'Otranto.Ho sempre immaginato la realizzazione di un parco filosofico nel centro storico del mio paese. Per varie ragioni. In primo luogo per rafforzare un legame tra due territori come quello della Grecia e della Grecìa che da anni lavorano insieme per intessere legami culturali profondi. Il secondo motivo perché mi piaceva l’idea di promuovere il territorio, attraverso iniziative in grado di qualificare le nostre bellezze, i nostri centri storici già mete naturali di molti visitatori. Infine, per intercettare o forse costruire un turismo innovativo “turismo del pensiero”, alternativo a quello di massa, bisognoso di recuperare spazi silenziosi in cui sperimentare un viaggio con se stessi”. Queste le parole del sindaco di Corigliano D’Otranto, Ada Fiore, nel descrivere l’inizio del percorso che poi ha portato alla realizzazione del parco filosofico 3.0 che verrà inaugurato domani, venerdì 29 giugno alle ore 20.30 nel centro storico di Corigliano D'Otranto. Il parco resterà aperto tutti i week-end dei mesi di luglio e agosto 2012. 

Come ricorda ancora il sindaco Fiore “la “Meraviglia”, che è l’atteggiamento dal quale secondo Aristotele ha avuto inizio la filosofia, comincia da qui. Dalla partecipazione straordinaria di tanti giovani, professionisti, attori, registi, musicisti artisti del web che si sono ritrovati insieme, uniti solo ed esclusivamente dalla gioia del pensare. Sophia ha dissacrato miti. Il mito dei giovani senza valori, senza passioni, incapaci di comunicare. Sophia ha squarciato il velo di Maya ed è andata oltre. Oltre il materialismo di una società frenetica, individualistica, Sophia è stata il collante per mesi delle forze fresche e creative del nostro Salento. E questa esperienza ha dimostrato che di forze creative il Salento ne è pieno. E in tutto questo sono sicura che possa destare meraviglia anche il fatto che un Sindaco abbia scelto, in un momento di crisi così profonda, di promuovere e sostenere un “investimento umano”.
Punta sui giovani, quindi, questo progetto che ha l’obiettivo di aiutare le nuove generazioni a credere e sperare in un futuro.

Durante l’estate, quindi, il centro storico di Corigliano sarà un teatro, un luogo dove passato e futuro si incontreranno, nel segno della filosofia e della tecnologia. Tutti saranno chiamati ad esserne protagonisti e non spettatori. L’ambizioso progetto parte dagli incontri pubblici con filosofi di fama internazionale che sono stati ospitati a Corigliano: da Oscar Brenifier  a Serge Latouche.

Sophia ha conosciuto una fase preparatoria in cui tutti i cittadini e gli avventori degli esercizi commerciali sono stati coinvolti e portati a rispondere a dieci domande di filosofia.
Nel progetto sono stati protagonisti anche alcuni studenti dell' Istituto tecnico industriale E. Mattei di Maglie e del Liceo Capece di Maglie attraverso un protocollo d'intesa stipulato tra il Comune e gli Istituti scolastici. I primi hanno portato le proprie competenze tecnologiche, i secondi le conoscenze umanistico-filosofiche, insieme per dare vita a delle installazioni che saranno presenti nel comune griko.

A tutti coloro che verranno a visitare il nostro Primo parco filosofico 3.0 – conclude Ada Fiore - voglio dire di tenere a mente che ogni installazione racchiusa in una valigetta non contiene solo computer, fili, pulsanti o tastiere ma la voglia dei nostri giovani di esserci, di rimanere qui e in questo lembo del Salento radicare la loro genialità . I 2 euro di ticket richieste all’ingresso della prima istallazione serviranno infatti a sostenere il lavoro dei nostri ragazzi che a partire da venerdì 29 giugno e per tutti i sabato e domenica dei mesi di luglio e agosto presenteranno Sophia a tutti coloro che vorranno recuperare il modo più naturale e autentico dello stare al mondo”.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |